Mangiare Fuori a Las Vegas

Las Vegas Buffet

A Las Vegas, se avete un budget limitato (e chi non ce l’ha in questo periodo), dovete scegliere a quale vizio dedicarvi. Per quanto mi riguarda, potrei rinunciare a spettacoli, shopping e anche gioco d’azzardo a favore del cibo.

Lo ammetto, c’è stato un periodo nel quale per me Las Vegas significava soprattutto buffet. Ora, così tanti ristoranti aprono tra una mia visita e l’altra, che faccio di tutto per stare al passo. Ecco una lista dei posti dove ho mangiato nel mio ultimo viaggio (e nessuno mi ha deluso):

SushiSamba Strip
Questo locale è stato inaugurato presso il Palazzo, appena dopo la mia precedente visita. Valeva la pena tornare per provarlo? Vi basti sapere che soddisfa la mia definizione di paradiso del cibo. Come se lo chef personale di Dio avesse mandato giù qualche piatto.

Dopo aver finito il primo piatto, Tataki di tonno, con croccante sale marino controbilanciato da soffici cuori di palma e asparagi bianchi, con una sfumatura di citrus-y, stavo fissando con occhi malinconici il piatto vuoto, che poi mi è stato portato via.

Ogni cosa che assaggiato aveva un sapore incredibile. Niente era scialbo, ogni gusto danzava sulla mia lingua. Chi avrebbe mai pensato che peruviani, brasiliani e giapponesi potessero suonare insieme una musica così piacevole?

DJT
Non mi sono dovuto allontanare dal mio hotel, il Trump International Hotel & Tower Las Vegas, per godermi un magnifico inizio di giornata al DJT. Il capo Chef John Jay Watson, cresciuto a pochi isolati di distanza da casa mia a New Orleans, è venuto in questa cucina dopo aver lasciato il Ritz-Carltons di New Orleans e il Lake Las Vegas.

La colazione è stata una “coccola” personale fatta di uova alla benedict con spinaci in tegame e pomodori marinati, ed una bella ciotola di frutti di bosco a lato. Il cibo ed il servizio sono così buoni che sono tornato il giorno dopo e ho ordinato la stessa identica colazione. Sta ottenendo ottime critiche anche per quanto riguarda il pranzo e la cena, quindi merita decisamente di essere provato.

Simon
Pranzate guardando la piscina del Simon, nel Palm Place (l’hotel collegato al super trendy Palms). Questo ristorante offre un’innovativa miscela di sushi, ristorazione di alto livello e piatti più semplici. Tra le scelte del menù dolci trovate: una grande ciotola di zucchero filato, ed un piatto di dolcetti vari composto da tortine al cioccolato, “palle di neve”, popcorn con cioccolato e caramello, anellini croccanti.

La vetrina dei vini, i vasetti di erbe appesi alle pareti, ed un menù davvero creativo che riesce ad essere allo stesso tempo sano, originale e familiare, il Simone merita di essere citato.
Ho provato un magnifico di granchio con insalata di avocado, cuori di palma, fagioli di soia e vinaigrette al pompelmo che spero di assaggiare ancora. Favolosa!

Altri ristoranti aperti di recente:

– T&T (Tacos & Tequila), Cathouse, e il Tender al Luxor
– Yellowtail Sushi Restaurant & Bar al Bellagio
– Nobhill Tavern al MGM Grand

This entry was posted in Notizie and tagged . Bookmark the permalink.

Comments are closed.